Driver

Costruendo con gli imprenditori soci processi di valorizzazione dei loro talenti e delle loro competenze; individuando insieme a loro percorsi finanziari lungimiranti e sostenibili; improntando con loro una fitta attività di relazioni e di opportunità di sbocco su nuovi mercati (locali, nazionali ed esteri),
con gli anni abbiamo strutturato una serie supporti e facilitazioni che abbiamo chiamato driver per lo sviluppo

Energia e Ambiente

Cdo Sicilia ha aperto un tavolo interamente dedicato all’energia e all’ambiente, manifestando così il proprio interesse e il proprio desiderio di supportare le aziende in questo campo, in linea con quanto sta avvenendo in Italia e in Europa.

Edilizia

Il driver “Edilizia” affronta le tematiche inerenti il settore edile nel senso più ampio, a confronto con i professionisti, gli imprenditori, i produttori e con tutte le figure che compongono l’intero comparto, interfacciandosi
anche con gli altri settori merceologici al fine di sviluppare continue sinergie per le opportunità di crescita. 

Digital Hub Sicilia

Lo spirito di questo driver di grande prospettiva è quello di camminare insieme agli imprenditori, in modo che riescano a ripensare la propria azienda sotto una nuova ottica.

Energia e Ambiente

Cdo Sicilia ha aperto un tavolo interamente dedicato all’energia e all’ambiente, manifestando così il proprio interesse e il proprio desiderio di supportare le aziende in questo campo, in linea con quanto sta avvenendo in Italia e in Europa.

Il nostro Paese sta infatti perseguendo il più ampio ricorso a strumenti che migliorino insieme sicurezza energetica, tutela dell’ambiente e accessibilità dei costi dell’energia, contribuendo agli obiettivi europei in materia.

A questo scopo, il Ministero dello Sviluppo Economico di recente ha inviato alla Commissione europea la Proposta di un Piano nazionale integrato per l’Energia ed il Clima (PNIEC) strutturato secondo 5 dimensioni: decarbonizzazione, efficienza energetica, sicurezza energetica, mercato interno dell’energia, ricerca, innovazione e competitività.

In questo contesto il tavolo dell’energia e dell’ambiente della Compagnia delle Opere Sicilia vuole essere il punto di riferimento per le aziende e i professionisti per sostenerli in uno sviluppo che tenga conto della tutela dell’ambiente, del territorio e delle risorse naturali. Si affronterà il tema dell’energia con particolare attenzione all’efficientamento energetico, alle energie rinnovabili e sostenibili, mettendo in relazione tutti i tavoli tematici presenti in CdO Sicilia. E, secondo il principio base delle rete associativa, il driver siciliano punta a far nascere in parallelo un più ampio tavolo nazionale su questo tema, cominciando a costruire un percorso sinergico con CdO Lombardia sud est. E, dopo aver messo in relazione contattate tutte le sedi Cdo nazionali ed internazionali, ci proverà a creare una community in grado di condividere esperienze innovative e promuovere nuove iniziative e opportunità di crescita e sviluppo.

Il tavolo Energia e Ambiente è coordinato da Domenico Bruno, da Andrea Consoli di Solar Energy Impianti Srl e dal perito Salvo Scuto. Tema sensibile e trasversale a tutta la rete imprenditoriale Cdo, quello dell’energia si pone dunque come driver di grandi prospettive per gli associati. A cui chiediamo di iniziare insieme un nuovo percorso ambizioso, con la consapevolezza che condurlo insieme rende l’innovazione più semplice e accessibile per tutti.

 

Domenico Bruno

Coordinatore
Energia e Ambiente
Sicilia

Andrea Consoli

Coordinatore
Energia e Ambiente
Sicilia

Edilizia

Il driver “Edilizia”, nell’ambito delle attività svolte in Compagnia delle Opere, affronta le tematiche inerenti il settore edile nel senso più ampio, a confronto con i professionisti, gli imprenditori, i produttori e con tutte le figure che compongono l’intero comparto, interfacciandosi anche con gli altri settori merceologici al fine di sviluppare continue sinergie per le opportunità di crescita.

Le attività valutate e affrontate terranno conto soprattutto delle esigenze di mercato, sotto il profilo architettonico, sociale e dell’ambiente che ci circonda, con particolare attenzione alla riattivazione energetica degli edifici e della loro sostenibilità in modo armonico, ponendo al centro di ogni progetto la vita stessa dell’uomo nel contesto urbano.

D’altronde i driver che possano generare sviluppo e crescita per il settore dell’edilizia si chiamano infatti economia circolare nel riuso delle materie e dei prodotti utilizzati, efficienza energeticariqualificazione green dei condomini, digitalizzazione del settore. Un tavolo ricco, per le imprese siciliane desiderose di svilupparsi secondo marketer innovativi, contribuendo a creare un nuovo rinascimento per l’economia
e il territorio.

Senza dimenticare che, una volta aperto il tavolo, sarà facile conseguenza costruire un network di relazioni con il mercato estero, con il bivalente obbiettivo di “importare” investitori da fuori e far conoscere all’estero la maestria degli edili siciliani.

Emilio Risicato

Coordinatore
Edilizia
Sicilia

Antonio Romeo

Coordinatore
Edilizia
Sicilia

Digital Hub Sicilia

Lo spirito di questo driver di grande prospettiva è quello di camminare insieme agli imprenditori, in modo che riescano a ripensare la propria azienda sotto una nuova ottica.

Basilare, sotto questo profilo, il coinvolgimento delle imprese in momenti di riflessione condivisa e di visione futura, per mostrare i vantaggi intrinsechi del percorso di riconfigurazione dei loro processi produttivi e di gestione.

Un’azienda è fatta di persone (che hanno abitudini e routine ben radicate), procedure (consolidate e standardizzate negli anni), e infrastrutture (nuove o obsolete, performanti o adeguate al momento). Tematizzando ognuno di questi focus, si riuscirà a dimostrare che rinnovando, e digitalizzando, si può cambiare direzione, uscire dalle zone di comfort, abbracciare lo sviluppo e non lasciarsi immobilizzare dalla crisi.
Un cambiamento gestaltico necessario soprattutto nel meridione, e in Sicilia in particolare, dove l’attaccamento alle procedure consolidate è fortissimo.

Programmi di mentorship, consulenze gratuite di base, distribuzione del know how necessario a realizzare progetti di innovazione tecnologica: questo è l’intento dei promotori del driver Digital Innovation Hub, che espletano la loro attività con il forte e consueto spirito associativo, tipico della Cdo.

I digital innovation hub sono un ponte tra impresa, ricerca e finanza. Promuovono la conoscenza dei vantaggi competitivi ed economici per le imprese che vogliono cogliere le opportunità della digitalizzazione contenute nel Piano Nazionale Impresa 4.0.
E allora, i responsabili del piano saranno quindi divulgatori dei principi connaturati nella parola “innovazione” e si adopereranno per far comprendere ai soci le grandi opportunità della trasformazione digitale, sia in chiave marketing, che di management gestionale che di produzione.

Le esperienze e le best practice dei soci capofila del tavolo sono, come sempre, strumento di contaminazione: per affrontare la crisi in atto, non si può permettere che piccole imprese o grandi imprese debbano soffrire o faticare per il semplice fatto di non riuscire a ottenere la propria “maturità digitale”. Raggiungerla significa: differenziazione chiara tra potenzialità e rischi della trasformazione digitale; selezione degli ambiti prioritari di intervento; acquisizione delle competenze, in tutti i settori, per standardizzare procedimenti a carattere tecnologico.

Rosario Salanitri

Coordinatore
Digital Hub
Sicilia

Danilo Mirabile

Coordinatore
Digital Hub
Sicilia

Antonio Santoro

Digital Content
Digital Hub
Sicilia

Sanità

Il Tavolo della Sanità è nato dalla necessità di affrontare e condividere le sfide di cambiamento cui i diversi operatori della Sanità sono chiamati per rispondere ai nuovi bisogni del comparto in ottica multidisciplinare, secondo una logica di rete che abbia a cuore l’unico vero obiettivo che conta in questo settore: la centralità della persona.
Tema, quest’ultimo, che – secondo l’impostazione ideale di Cdo – abbiamo deciso di declinare secondo i principi di Sostenibilità e Sussidiarietà nell’ottica di generare valore inteso non solo e non tanto come valore economico, ma soprattutto come valore in termini di efficacia, efficienza e qualità dell’assistenza e delle cure.

Roberto Monteforte

Coordinatore
Sanità
Sicilia