Comunicato Stampa

Il neo eletto presidente nazionale di Compagnia delle Opere Andrea Dellabianca sarà a Catania sabato 6 aprile 2024 per prendere parte all’assemblea annuale di Cdo Sicilia che riunirà oltre cento imprenditori da tutta l’isola per la pianificazione delle prossime attività di network. 

Sinergie. Il valore nasce dalle connessioni imprenditoriali” è il tema scelto dal presidente regionale Salvatore Motta, che traccerà il bilancio del suo primo anno di attività, svolto proprio nel segno della ricerca e della promozione di queste sinergie non solo tra gli imprenditori e i liberi professionisti membri dell’associazione, ma anche tra la Cdo e tante altre realtà istituzionali e associazioni territoriali per accrescere le occasioni di confronto e collaborazione. 

I lavori dell’assemblea avranno inizio alle 10.30 a Palazzo della Cultura e saranno aperti dal presidente dell’ARS Gaetano Galvagno, dopo di che il presidente Motta dialogherà con i referenti di Cdo nazionale: non solo il presidente nazionale Andrea Dellabianca, ma anche Mauro Cattaneo, nuovo direttore generale, e Nicola Orsi, Senior Public Affairs & Communication Consultant, che lo affiancheranno. 

Cuore della mattinata sarà proprio questo confronto tra presidente regionale e presidente nazionale, il quale sarà coinvolto non solo nel dare risposta ai quesiti di Motta ma anche di tutti gli altri soci che vorranno intervenire, per capire quale direzione prenderà nel prossimo biennio sia la Cdo nazionale che quella regionale. 

«Consideriamo indispensabile – commenta Motta – cogliere questa occasione per stabilire un rapporto più strutturato e anche in questo caso sinergico con l’associazione a livello nazionale. Questo rapporto negli anni non è sempre stato costante e spesso la nostra distanza geografica ha reso periferico anche il nostro coinvolgimento e limitato la nostra possibilità di azione. Ora noi siamo in una fase di rilancio dell’operato di Cdo in Sicilia e contiamo molto sul collegamento che intendiamo incrementare con la sede nazionale e con le altre sedi regionali, soprattutto per quanto riguarda l’attività delle filiere. Questo – spiega ancora Motta – è un fronte a cui crediamo molto: i tavoli dedicati a energia, edilizia, sanità, agroalimentare, turismo, ambiente, innovazione, impresa sociale che i nostri soci hanno sempre tenuto attivi hanno creato grandi opportunità per tutti coloro che vi hanno partecipato. Allo stesso modo in questo ultimo anno abbiamo sviluppato e intendiamo ancora continuare a sviluppare una rete capillare sui territori, provincia per provincia, creando iniziative di prossimità che rafforzino i legami operativi tra i soci». 

«Il lavoro delle filiere e quello delle delegazioni provinciali – conferma la direttrice di Cdo Sicilia Claudia Fuccio – in questi mesi è stato senz’altro utile, alla pari anche dei più piccoli momenti di networking come gli aperitivi con il presidente o i micro appuntamenti tematici dal vivo o in digitale, perché abbiamo avuto in modo più profondo l’opportunità di entrare in ascolto di ogni singolo socio, conoscere le sue esigenze, collegarlo in modo appropriato con altri soci. La forza moltiplicatrice di questi incontri ha generato un’onda positiva che ci ha consentito di avvicinare molte nuove realtà di riscontrare un grande avvicinamento e un grande interesse soprattutto nella fascia dei giovani imprenditori dai 25 ai 35 anni. In occasione dell’assemblea del 6 aprile ribadiremo l’importanza delle collaborazioni con le istituzioni, a cominciare dall’Università di Catania, con cui siamo in rete ormai da tempo facendo parte del comitato scientifico della Facoltà di Economia, e con partner territoriali di valore come Futurlab, con cui abbiamo avviato con successo l’esperienza della Scuola di formazione per il bene comune. Su questa scia, in occasione dell’assemblea del 6 aprile 2024 presenteranno le nuove iniziative in programma per il biennio 2024-2025.».

L’addetto stampa Concetta Bonini tessera OdG n. 068977